Esperienze di vita nelle Filippine

I tassì di Manila

kreuzung à la philippinisch
Un incrocio architettonicamente eccezionale a Manila

Stamattina, il 20 luglio 2015, verso le 10:30 ho alzato la mano a Makati (quartiere amministrativo e benestante di Manila) ed ho fermato un taxi. Dopo un paio di secondi il primo era già fermo davanti a me. Sono salito sul tassi ed ho chiesto al conducente di portarmi a "Coastal Mall". Questo mi ha ridomandato "Coastal Mall"? "Yes, Coastal Mall" ho dovuto ripetere varie volte. Si tratta di un grande Centro commerciale.

Il conducente ha avviato il tassametro (40 Peso) e siamo partiti. Dapprima ha girato per ben 3 volte intorno al medesimo caseggiato. Dopo che gli ho fatto vedere il mio GPS del cellulare e gli ho chiesto cosa stesse facendo si è avviato finalmente su una strada principale. Ma non ho dovuto aspettare a lungo e si è avviato in via opposta dalla metà. Poi è persino riuscito ad andare a bloccarsi in una lunghissima colonna. Così siamo stati fermi per almeno 10 minuti ed il tassametro girava, girava e girava. Quando ho visto che mostrava 86 Peso ho scaraventato una banconota da 100 al tassista e sono sceso dalla macchina. La porta posteriore lo sbattuta talmente forte, che se ne potesse ricordare.

Così mi sono incamminato per quasi 10 minuti sotto il sole battente dei tropici che riscaldava il cemento di Manila. Una volta raggiunta la strada principale giusta mi sono accantonato sul quel lato che andava verso Coastal Mall. Ho alzato la mano a dopo alcuni secondi si è rifermato un tassì. "Coastal Mall" ho pregato nuovamente il conducente. Questo lo ha affermato. E così abbiamo riiniziato la corsa. Ho dovuto pregare gentilmente il tassista di accendere il suo tassametro. Questo lo ha fatto immediatamente. Dopo alcuni minuti pure questo babbeo cambiava strada. Mi chiedeva poi se avevo voglia di Girls & Chicks. La mia risposta è stata: "Gonorea, sick & aids". Ha iniziato a ridere e mi ha richiesto se avevo vogli di Girls & Chicks. Di nuovo gli rispondevo:" Gonorea, sick & aids." Nel frattempo si correva in direzione opposta a Coastal Mall. Si rimetteva a ridere e così gli ho chiesto gentilmente dove mi stesse portando. Mi fece vedere una fermata dei Bus accanto alla strada, dove una volta al giorno si fermava un bus in direzione di casa mia. Poi mi fece scendere dopo che gli avevo elargito pure a lui 100 peso.

Ora mi incamminai per altri 20 minuti sotto il sole battente per raggiungere la Roxas Rd. Dopo aver attraversato un quartiere povero (pericoloso per noi "ricchi" stranieri) avevo finalmente raggiunto la strada principale, postandomi in tal modo che si potesse soltanto correre verso il Coastal Mall. Di nuovo alzai la mano, ma nessun tassista si fermava più. Come se avessero capito che volevo andare soltanto al Coastal Mall.

Ma la Fortuna mi ha assistito ed è apparso un bus con la targhetta "Nagubsu", una città balneare lontana 120 chilometri da Manila e per raggiungerla si deve per forza passare vicino a casa mia. Il conducente ha capito subito le mie gesta disperate e mi ha fatto salire. Con 90 peso di biglietto sono tornato finalmente a casa, distante circa 80 chilometri da Makati.